Come apparecchiare la tavola in giardino

Come apparecchiare la tavola in giardino
12 Marzo 2021 Valentina Muggia
Valentina Muggia
In Ispirazioni
Come apparecchiare la tavola in giardino

Con la bella stagione alle porte siamo pronti a riattivare i nostri giardini e le nostre terrazze per trascorrere i momenti migliori della bella stagione. 

E uno dei modi migliori di godere di questi spazi così preziosi è proprio quello di consumare i pasti all’aperto. Il giardino può a tutti gli effetti diventare una “stanza” in più della nostra casa e anzi io aggiungerei, la stanza più bella della casa durante la bella stagione!

Vi consiglio quindi di curare l’arredamento di quest’area con molta attenzione, al fine di renderla davvero confortevole e rilassante, perché niente come un giardino curato e ben arredato è in grado di regalarvi momenti di autentico benessere.

In particolare in questo capitolo vorrei soffermarmi sul come apparecchiare la tavola in giardino per una bella cena tra amici, fornendovi alcune idee su come realizzarla.

Come apparecchiare la vostra tavola immersa nel verde

Come prima cosa, partirei dalla scelta della tovaglia da tavola.

Personalmente, amo moltissimo usare dei tessuti a righe o a fantasie gioiose e colorate, che trovo vivaci ma, al contempo, eleganti. 

 A differenza che in casa infatti in giardino non avrete vincoli creati dalla presenza di altri tessuti, o di un arredamento che vi impone uno stile piuttosto che un altro.

 Sarete infatti prevalentemente circondati dal verde ed eventualmente da macchie di fiori, e potrete quindi scegliere con più libertà lo stile da dare alla vostra tavola. Come vi dicevo quindi giocherei un’apparecchiatura all’aperto con un’eleganza un po’ più  gioiosa e colorata che in un interno.

 Anche per il giardino però opterei sempre per una tovaglia con una bella caduta di almeno 35 o 40 cm per ogni lato del tavolo perché una tovaglia corta o addirittura striminzita, è inelegante anche in un giardino. Se lo desiderate e se l’occasione richiede un “coup de teatre” potreste anche decidere di mettere un sottotovaglia che copra il tavolo fino a terra, ma essendo in giardino, opterei in questo caso per un tessuto semplice e fresco, come un cotone. Abbinatelo alla tovaglia e ad esempio scegliete un quadrettone da abbinare alle righe della vostra tovaglia, o magari una riga larga che poi ripeterete nei tovaglioli se la tovaglia è a righe più strette. 

In alternativa alle righe, per il giardino sono bellissimi tutti i toni di verde, soprattutto i più naturali che richiamano quindi i colori del paesaggio che vi circonda. Molto belli anche gli abbinamenti fra alcune fantasie floreali un po’ polverose, che richiamano i giardini inglesi e le nostre righe o un quadretto!

Naturalmente, mi viene estremamente facile consigliarvi di utilizzare una meravigliosa tovaglia in tessuto antimacchia, perché è proprio in questo frangente che la praticità delle nostre tovaglie trova la sua collocazione naturale. Infatti, il tessuto antimacchia vi permette di apparecchiare con estrema eleganza, concedendovi una tovaglia riccamente rifinita con bordi coordinati e tovaglioli assortiti, ma con il plus della facilità di manutenzione.

Quindi partiamo ad esempio da una tovaglia righe magari in un fresco e sempre elegantissimo beige e bianco o in tono di azzurro!

I dettagli che vi aiuteranno a completare la vostra tavola in giardino

Io opterei per alcuni dettagli in rattan o in vimini naturale perché danno proprio un aspetto fresco alla tavola e se non li usate qui allora dove?

Potrete facilmente reperire dei bei sottopiatti ad esempio, in commercio ce ne sono di tantissimi tipi; per la scelta dei piatti in giardino trovo assolutamente perfetto l’uso di piatti in melamina purché elegante e non in colori troppo sgargianti, più adatti ad una festa di bambini. Guarda caso Borgo delle Tovaglie ha una linea di stoviglie in melamina che si accorda completamente con la filosofia delle nostre tovaglie che mira a coniugare eleganza e praticità. 

Per la scelta delle posate potete spaziare dall’acciaio, alle posate con manico in legno, persino con manico in resina colorata , magari assortita ai colori della vostra tovaglia. I tovaglioli, ovviamente in tessuto, mai in carta! A me piace metterli nel colore che richiama il bordo della tovaglia, per creare un piacevole contrasto sul tavolo. Potreste anche scegliere un’altra fantasia o una riga di dimensione diversa ma dello stesso colore della tovaglia. 

Infine i bicchieri, anche se ci troviamo in giardino, opterei per il vetro e perché no, colorato! Bellissimi anche alcuni bicchieri ricoperti alla base, di rafia intrecciata, alla fine del pasto potrete sfilarli comodamente dalla custodia e metterli in lavastoviglie. Esistono soluzioni simili anche per caraffe e bottiglie in vetro, che daranno un aspetto davvero molto fresco ed elegante alla vostra apparecchiatura.  

Ricordate inoltre che all’aperto è necessario utilizzare una glacette per il vino e se possibile anche per l’acqua perché le bevande si riscaldano molto velocemente. Potete completare la vostra apparecchiatura con un centrotavola e potrebbe essere ad esempio divertente utilizzare delle sfere di bosso disidratato di diverse dimensioni posizionate su vasi legati dal filo conduttore del colore o della forma. Riprodurrete così l’idea di un giardino all’italiana con siepi e cespugli. In alternativa, bellissime e davvero scenografiche vi consiglio le ortensie.

Se invitate per pranzo, ricordate di prevedere un ombrellone ombreggiante o una pergola, perché il sole dritto sulla testa può essere molto fastidioso anche in primavera. Se invece apparecchiare la sera, ricordatevi di prevedere un’illuminazione di qualche tipo. Sempre molto belle per la luce e per la scenografia, candele e fiaccole sparse intorno al tavolo e alcune candele protette da antivento sul tavolo. Non dovrete prevedere un’illuminazione a giorno, ma fate in  modo che i vostri commensali possano vedere ciò che hanno nei piatti. Se siete in estate, inoltre dovreste ricordarvi di posizionare delle candele alla citronella per proteggervi dal fastidio delle zanzare, che immancabilmente si fanno vive al tramonto.

Cena in giardino: cosa portare in tavola

Facciamo due chiacchiere anche su un ipotetico menù adatto ad una cena in giardino? Naturalmente dipende molto dalla temperatura, perché se fa davvero molto caldo dovrete optare per pietanze davvero fresche e leggere come un gazpacho e un ottimo vitello tonnato accompagnato da una gustosa insalata magari un po’ arricchita, con semi di girasole o altro. Eviterei un menu completo con tante portate e opterei piuttosto per un antipasto con a seguire un buon piatto unico e un dessert. Divertentissime sono anche certe cene a tema, come ad esempio la cena spagnola a base di paella, sangria e tapas

Per una cena in esterno potrebbe naturalmente essere divertente anche una buona grigliata , ma magari resa più originale con ricette un po’ insolite.

Lo sapevate ad esempio che potete grigliare la frutta!?

Spedizione GRATUITA in Europa per ordini oltre 150€
-20% sul primo ordine. Iscriviti alla Newsletter!